foto Gianfranco Mura


Su trabagliu nou de Andrea Parodi prenat una boidera aintro de s'issiena musicale sarda. Infines tenimos un'interprete capatzu de bortare unu patrimoniu musicale in carchi cosa chi totu poden godire. Sa detzisione de fagher su solista, a pustis de sas ispariensias 'Coro degli Angeli' e 'Tazenda', permitit a Andrea de si presentare cun unu repertoriu de balore mannu fatu de branos classicos e de su connotu, renoadu cun sonoridades noas e cun finesas istraordinarias. Umpare cun custos, branos noos mai bogados a campu chi faghen una chirca aintro de sas sonoridades de su Mediterraneu premmesu de su mediu de sa limba sarda. Unu repertoriu intimu e prenu de lughe, populare in sas raighinas suas, irrichidu cun sonos pretziados e cun una tennica sena aguales, chi ch'est pesadu in artu galu prus da una boghe chi in sos annos s'est fata propiu comente una bandela de sa musica sarda e no solu.

Il nuovo lavoro di Andrea Parodi colma una lacuna all'interno della scena musicale sarda. Finalmente abbiamo un interprete in grado di trasformare un patrimonio musicale in qualcosa di fruibile da tutti. La scelta solistica, dopo le esperienze Coro degli Angeli e Tazenda, consente ad Andrea di proporsi con un repertorio di assoluto valore composto da brani classici e tradizionali, rivissuti con nuove sonoritÓ e straordinarie sensibilitÓ esecutive. Accanto a questi, nuovi brani inediti che esplorano le sonoritÓ del Mediterraneo attraverso il veicolo della lingua sarda. Un repertorio intimo e solare, profondamente popolare, arricchito da suoni preziosi e da una tecnica senza eguali che viene esaltato da una voce che negli anni Ŕ diventata una vera e propria bandiera  della musica sarda e non solo.

Michele Pio Ledda