foto Gianfranco Mura


Sos sonos de sas modas musicales currentes no lis aggradan. Da vint'annos ai como an atraessadu in puntas de pees sas milli camineras de sa musica populare cun sa simpritzidade virtudosa issoro. ARGIA cheret narrer a su matessi tempus connotu e modernidade. Su trio formadu da Albertu Balía, Enricu Frongia e Ricardu Lay cumbinat cun sabidoría cantos e musicas de sa Sardigna: unu biazu in sos sonos de s'Isula da sas arturas de su Gennargentu a sas marinas. ARGIA regollit a pare totu sos microcosmos sonoros de una terra rica de cantos e de musicas. Custos artistas torran a leger, in sa manera orizinale issoro, gobbulas tatharesas, anninnías de su Sulcis, ballos de cantigu de sa Barbagia cun puntadas in su cantu a tenores. Lu faghen comente ischin issos, cun naturalesa: cun su cuntrabassu sardu de Ricardu Lay, sas acrobatzias ghitarristicas de Albertu Balía e sa boghe potente de Enricu Frongia.

I suoni alla moda non fanno al loro caso. Da vent’anni a questa parte hanno attraversato in punta di piedi i mille sentieri della musica popolare con la loro virtuosa semplicità. Argia è sinonimo di tradizione e di modernità al tempo stesso. Il trio composto da Alberto Balia, Enrico Frongia e Riccardo Lay fonde sapientemente canti e musiche della Sardegna: un viaggio nei suoni dell’Isola dalle alture del Gennargentu al mare. Argia è l’insieme di tutti i microcosmi sonori di una terra ricca di canti e di musiche. I tre artisti rileggono in maniera originale gobbule sassaresi, ninne nanne sulcitane, balli cantati barbaricini con incursioni nel canto a tenore. Lo fanno a modo loro, naturalmente: con il contrabbasso sardo di Riccardo Lay, le acrobazie chitarristiche di Alberto Balia e la voce potente di Enrico Frongia.

Francesco Pintore

ascolta:
Comare  (242 Kb)